Come guarire una ferita?

La domanda è sorta grazie all’articolo “Andare verso il padre”, in cui vengono esplorati i meccanismi di reazione alla delusione – e alla conseguente ferita – che il bambino sperimenta nel momento in cui non trova nel padre la guida che sta cercando e di cui ha bisogno per affrontare il mondo.

La ferita rispetto al padre è una ferita come molte altre. Per ogni ferita, per ogni settore della vita, ci sono sfumature diverse, ma una cosa le accomuna tutte: l’origine traumatica. Ed è questa che prenderò in considerazione, restando sull’onda dell’argomentazione padre e dando strumenti che possono essere utilizzati per qualunque ferita.

Una ferita si guarisce anzitutto smettendo di volerla guarire. L’attenzione alla guarigione implica una affermazione di malattia. Può sembrare assurdo, ma è proprio in questo modo che funziona il magnetismo. Quando vuoi una cosa, stai ammettendo che quella cosa non ce l’hai, ed è proprio la mancanza che crei in quel momento. Non puoi raggiungere nessun obiettivo. L’unica cosa che puoi realmente fare è essere consapevole, alimentare il sentimento puro in te e permettere che questo ti guidi.

Sappiamo che la consapevolezza è come una luce, una fiamma che illumina. Così, il primo passo verso la guarigione è la consapevolezza della malattia. Essere consapevoli di avere una ferita è il primo passo per poterla guarire. Sapere di avere una ferita non è sufficiente. Conoscenza e consapevolezza sono concetti diversi, seppur vengano considerati sinonimi. Il sapere è un bagaglio, un’informazione impressa nella memoria, la consapevolezza è il risveglio nel momento presente.

Così, posso essere consapevole della mia ferita nel momento in cui la sento. Solo in quel momento posso esserne consapevole. Negli altri momenti, quando essa è sopita, quando non viene stimolata, io so di averla, ma non ne sono consapevole. E’ una differenza sottile ma essenziale.

Allora, quando una donna si relaziona con il compagno ed egli si comporta in un modo che la fa arrabbiare o che le provoca dolore, la donna può essere consapevole della sua ferita. Solo in quel momento può esserne consapevole. Ad esempio, può riconoscere che il compagno si sta comportando come fece suo padre quando era piccola e quel comportamento le provoca dolore, perché sta risvegliando una ferita generata da una situazione traumatica del passato. In quel momento, la donna può reagire al dolore insultando il compagno, dicendogli che non ci si comporta così, eccetera. Oppure può restare in silenzio ed ascoltare la sua ferita. Ecco che in quel momento le sta dando spazio. In quel momento avviene la guarigione. E la guarigione avviene ogni volta che si è consapevoli.

Ogni volta che permetto a me stessa di ascoltare, ogni volta che il mio dolore trova un ascolto, ecco che la guarigione è in atto, ecco che la ferita diminuisce.

La presenza è lo strumento più grande a nostra disposizione. La presenza è amore, è tutto l’amore che esiste concentrato in quel momento, in quel punto. Ed è la guarigione. La presenza permette all’emozione congelata di sciogliersi e di favorire l’espressione della nostra forza vitale.

 

asso-coppe
Liberazione dell’energia emozionale

 

La creazione avviene attraverso quattro fasi, rappresentante dai quattro elementi.

Fuoco – sentimento

Acqua – emozione

Aria – pensiero

Terra – materia

Il sentimento – fuoco – è il motore, ciò che fa partire tutto. L’emozione – acqua – è ciò che ne consegue e che dà la spinta al pensiero – aria – affinché quel moto abbia un modo per manifestarsi e quindi diventare materia – terra.

Il sentimento è il moto che porta, per esempio, un bambino a correre verso il padre con tutto il suo entusiasmo. Il bambino è mosso dall’amore, dalla fonte, dal fuoco. Non c’è obiettivo, c’è solo sentimento. Succede che il padre non sa accogliere quel moto e rifiuta il bambino. In quel momento, nel bambino, si crea un’emozione – acqua – che condiziona poi il pensiero – aria – che lo porterà a creare situazioni – terra – in linea con tutto il processo, in linea con l’emozione che si è creata. Se il bambino ha provato vergogna, il suo pensiero sarà condizionato dalla vergogna e così tutto quello che lui crea. Questo processo continua a rigenerarsi in automatico finché l’individuo non ne diviene consapevole.

Così, una donna si trova di fronte ad un uomo che non le dà il sostegno che lei chiede. In quel momento, nella donna si risveglia la ferita nata quando il padre non le è stato di sostegno. La reazione automatica può essere di chiudersi, arrabbiarsi, sentirsi frustrata, e così via… Questa reazione aumenta la ferita, perché si basa sulla ferita e quindi la nutre. Se invece la donna si pone in ascolto, entra nel suo dolore, lo sente, lo riconosce, gli permette di esistere, ecco che ha dato vita alla guarigione.

E in quel momento, quando la persona è consapevole, si riconosce, ritorna in se stessa e sa come muoversi, sa cosa fare, sa quali sono le sue reali esigenze e si mette in moto per soddisfarle. Esce dall’attaccamento, slega la dipendenza e diventa autonoma. Quando sei in ascolto, quando senti te stesso, sai quali sono i tuoi bisogni e ti muovi per soddisfarli.

Come ho detto altre volte, quando ci si ostina a volere qualcosa da una data persona, si sta proiettando sulla persona un genitore e ci si mantiene in una condizione infantile. Perché solo il bambino dipende dal genitore ed è chiaro che si disperi quando il genitore non gli fornisce ciò di cui ha bisogno. L’adulto è autonomo. L’adulto interagisce con il mondo esterno, è sempre in relazione con gli altri e con le cose, ma non ne è attaccato. Se una persona non può fornirgli ciò di cui ha bisogno, l’adulto andrà da un’altra. Non c’è attaccamento. C’è libertà.

Riconoscere il tipo di rapporto (dipendente o autonomo) che abbiamo con una data cosa o persona, ci permette di sapere se siamo in una condizione infantile o adulta.

Entrare in contatto con le proprie ferite è doloroso e allo stesso tempo liberatorio. Conosciamo tutti la differenza tra un dolore traumatico e un dolore liberatorio. Il dolore traumatico è causato da una botta, per esempio, da un taglio, da un’invasione. E’ un dolore che si crea in quel momento. Il dolore liberatorio è il dolore trattenuto che si scioglie. Questo avviene quando viene stimolata una parte che contiene dell’energia trattenuta – che causa dolore – al fine di liberare quell’energia.

Un pianto, una confidenza, l’esprimere un dolore trattenuto, sono tutti modi per liberare quell’energia. Affermare “Mi sono sentita delusa da mio padre”, “Mi sono sentito solo quando mio padre non è venuto alla mia prima partita di calcio”, “Ho provato un senso di vuoto quando mio padre non è tornato”, “Mi sono sentito perso quando mio padre mi ha sgridato”,… e così via, permette a quel dolore di liberarsi. Se ci pensate, è raro sentir dire queste frasi. Sono tutte emozioni che sono rimaste dentro, tutte confidenze che hanno bisogno di essere liberate.

Abbiamo detto che un’emozione genera un pensiero. E spesso è quel pensiero che prende il sopravvento. E’ più facile sentir dire “Gli uomini sono tutti egoisti”, piuttosto che “Mi sono sentita sola e abbandonata quando mio padre ha preferito andare a lavorare anziché che stare con me”. La prima frase è il pensiero – aria – che si è creato di conseguenza all’emozione – acqua. La seconda frase è frutto di una consapevolezza.

Mi auguro che tutto questo inizi a diventare più chiaro. Liberare un’emozione è il modo per scioglierla, per alleggerire la ferita, per togliere il motivo per cui la ferita esiste. In quel modo, la ferita può guarire. La ferita guarisce quando viene portata luce all’origine, quando viene portata alla luce l’ombra. L’ombra è la parte di noi che nascondiamo, perché riteniamo dannosa.

 

xv-il-diavolo
L’oscuro, il nascosto, ritenuto dannoso, che è in realtà energia vitale creativa

 

Nel caso descritto prima, può succede per esempio che il bambino crei il pensiero: “Essere entusiasti e correre tra le braccia di un uomo porta solo dolore”. Questo pensiero – aria – è stato generato di conseguenza all’emozione – acqua – e crea situazioni – terra – della stessa frequenza. Così, è probabile che il bambino o la bambina in questione creino situazioni in cui ci sono uomini che li rifiutano. Sono loro stessi ad attrarli a sé, perché hanno quella convinzione. E, a livello più sottile, la ferita sta facendo in modo che loro si rendano conto di averla.

La sofferenza è un ponte, è un segno, è un messaggio dell’io profondo, che porta l’attenzione su un meccanismo distruttivo che si muove in automatico e che può essere smontato con la consapevolezza.

 

La presenza è la chiave. L’ascolto. L’osservazione. Essere presenti a se stessi anziché muoversi in automatico. Riconoscere il proprio dolore e le proprie ferite anziché incolpare gli altri. Portare l’attenzione a sé è il primo passo verso la guarigione.

 

 

Una donna mi scrive:

…d’accordo che noi donne abbiamo delle ferite, ma il maschile è innegabile che è terribile oggi… possiamo curare le nostre ferite, ma per noi. Un uomo che ama una donna, si trova solo nelle più remote poesie.”

In questo commento, possiamo notare una associazione diretta tra maschile e uomo. Come spesso il femminile è associato alla donna.

E’ importante ricordare che il femminile e il maschile sono energie contenute in ogni individuo. Ogni donna e ogni uomo hanno in sé l’energia femminile e l’energia maschile. Quando si identifica l’energia maschile con l’uomo, la si costringe. A maggior ragione, quando si definisce terribile l’energia maschile associandola a uomini che la utilizzano in modo distruttivo, si sta facendo lo stesso con se stessi. Ovvero si considera terribile la propria energia maschile. E visto che la si considera terribile, non la si vuole esercitare e la si tiene nell’ombra. Succede quindi che sia repressa oppure eccessivamente espressa. Ecco perché una donna che considera il maschile e gli uomini terribili attrae a sé e vede quasi solo uomini con una energia maschile terribile. Vede quello che ha dentro di sé. Vede quello di cui è convinta. Attrae a sé ciò che deriva dalla sua ferita.

Se è “innegabile” che “il maschile oggi sia terribile”, è allo stesso modo innegabile che esistono uomini e donne con energie maschili libere, ed esistono uomini e donne con energie maschili compresse. Nulla è assoluto e il mondo è pieno di ogni varietà di caratteri. Quello che una persona vede in prevalenza è quello che ha dentro di sé, è quello che la sua ferita porta a galla affinché possa essere vista.

 

vi-gli-amanti
Specchio l’uno dell’altra, l’incontro per iniziare un viaggio insieme

 

Segue poi una domanda:

Perché oggi il maschile è diventato così squallido? Uomini che non sanno stare vicino, uomini che non amano, uomini che uccidono le donne”

Gli uomini hanno avuto genitori, con i quali hanno vissuto esperienze che hanno portato sia gioie che ferite. Nulla è squallido per definizione (come nulla è vergognoso per definizione, cfr. articolo “Vergogna ed espressione”). Definiamo squallido quello che noi riteniamo tale, in base a quello che abbiamo imparato e abbiamo reso uno strumento di difesa.

Un altro punto interessante su cui mi soffermo poco per non uscire troppo dal tema originario, è l’accanimento sugli uomini, sul loro essere violenti. Ricordo che anche le donne sanno essere violente, anche le donne abusano, anche le donne uccidono, anche le donne insultano e distruggono. L’energia maschile è presente in ognuno di noi. E quando ci sono delle ferite aperte, la persona reagisce in modo automatico, scatenando forze distruttive. Identificare l’uomo come la parte cattiva della società che ferisce la donna è un modo per mantenere la donna in uno stato di vittima, alimentando il concetto del sesso debole. In questo modo, diventa difficile aiutare gli individui a diventare integri e succede che le donne, per farsi rispettare, diventino violente a loro volta. Questo alimenta le ferite di tutti, anziché guarirle.

 

Spesso giudichiamo squallido un comportamento e non ci rendiamo conto di essere squallidi anche noi in altro modo, accusiamo qualcuno di essere assente e poi siamo i primi a non volerci prendere responsabilità, puntiamo il dito contro gli sporchi e abbiamo un cestino della spazzatura interiore saturo da anni… Come dice il proverbio: «Perché guardi la pagliuzza che è nellocchio del tuo fratello, e non t’accorgi della trave che è nel tuo?».

Il mondo esterno è una proiezione di noi stessi, e quando notiamo qualcosa – che ci piaccia oppure ci disgusti – possiamo ritrovarla in noi stessi e permetterle di comunicare il suo messaggio.

In conclusione, posso invitare chiunque a farsi aiutare nel processo di liberazione delle emozioni. Se è vero che la presenza e la consapevolezza sono stati che posso essere agiti solo in autonomia, è anche vero che tutti abbiamo bisogno di una guida, di qualcuno che sappia gestire le dinamiche interiori e che sia al di fuori del nostro dramma così da poterlo vedere ed accompagnarci verso l’uscita.

Quando un’emozione – acqua – viene liberata, si ripristina il flusso naturale, così anche i pensieri – aria – e le azioni – terra – tornano ad essere in sintonia con la fonte – fuoco.

Grazie a chi mi sostiene nella mia ricerca e contribuisce ad arricchirla.

 

Buon viaggio,

Rossella

11.11.2016

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...